L’attaccante del Psg e della Nazionale ha trascorso la domenica nella periferia nord della capitale, a Porte de la Chapelle, donando beni alimentari

Non solo calcio. Non solo vita spensierata, tra allenamenti, shopping e i normali divertimenti da ventenne. Moise Kean domenica ha dedicato un po’ del suo tempo anche a chi non può permettersi una vita di sportivo di alto livello, da astro nascente in una squadra di semifinale di Champions League. L’azzurro infatti ha speso un pomeriggio per distribuire qualche pasto ai migranti e ai senzatetto della periferia nord di Parigi.

Plauso

—  

Un’operazione di beneficenza che Kean ha voluto rendere pubblica via Instagram, con qualche foto dove lo si vede, in compagnia di qualche amico, distribuire sacchetti riempiti di beni alimentari a ragazzi anche coetanei, senza tetto, migranti e tossicodipendenti allo sbando che popolano Porte de la Chapelle. Iniziativa che ha raccolto il plauso di tifosi e followers. Altri compagni di squadra dell’attaccante in prestito dall’Everton, come il tedesco Julian Draxler e lo spagnolo Ander Herrera, si sono resi disponibili nei mesi scorsi per aiutare associazioni umanitarie.

Mentre gli ultrà del Psg da tempo organizzano tour notturni per distribuire pasti caldi ai clochard di Parigi. Il club dell’emiro del Qatar inoltre è impegnato in numerose iniziative di beneficienza, tramite la sua omonima Fondazione.

Let's block ads! (Why?)